CESISP analysis e master

Metodo tariffario del servizio integrato di gestione rifiuti

Introduzione al metodo tariffario del servizio integrato di gestione rifiuti.
Criteri per la definizione dei corrispettivi
I costi riconosciuti sono solo quelli afferenti alla gestione integrata dei rifiuti: complesso delle attività volte ad ottimizzare la gestione dei RU, vale a dire la raccolta, il trasporto, il trattamento, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti, compreso il controllo di queste operazioni, il controllo delle discariche dopo la chiusura, l’attività di spazzamento e lavaggio delle strade, nonché la gestione delle tariffe e del rapporto con gli utenti.
Esclusione dal perimetro dei costi riconosciuti degli oneri riconducibili alle attività esterne al ciclo di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, tra le quali ad esempio lo spazzamento e sgombero neve, la derattizzazione, la gestione del verde pubblico ecc.
La valutazione degli oneri riconducibili alle attività esterne al ciclo di gestione dei rifiuti urbani e assimilati è rimessa alle amministrazioni territorialmente competenti al fine di non introdurre discontinuità nel processo di monitoraggio e recupero dei costi. Gli oneri eventualmente inseriti nei corrispettivi tariffari, ma non attinenti alle attività ricomprese nel perimetro, dovranno essere indicati separatamente
Il totale delle entrate tariffarie di riferimento (TARI 2020-2021) per la gestione del ciclo dei rifiuti è dato dalla somma delle entrate a copertura dei costi fissi e dei costi variabili riconosciuto dall’Autorità in continuità con il d.P.R. n. 158/99 e determinato secondo criteri di efficienza, nonché di trasparenza e omogeneità procedendo ad una riclassificazione degli oneri riconducibili alle singole attività del ciclo integrato
Metodologia che, a valle dei criteri di attribuzione tra utenze domestiche e non domestiche – criteri che proseguono, almeno per il momento, in continuità con la normativa vigente – permette di determinare l’articolazione dei corrispettivi in coerenza con le tabelle 1a, 1b, 2, 3a, 3b, 4a e 4b del citato d.P.R. n. 158/99
Impostazione del calcolo tariffario definita per favorirne un’applicazione in tempi ragionevolmente brevi, e comunque compatibili con quelli previsti dalla normativa vigente per gli adeguamenti delle tariffe TARI del settore (31 dicembre 2019)

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top