(Italiano) L’Università per la riforma dell’accesso alla PA

(Italiano) L’Università per la riforma dell’accesso alla PA

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

3 marzo 2021 ore 11

La riforma della Pubblica Amministrazione è uno degli obiettivi prioritari, indicato con fermezza dall’Unione Europea, per l’applicazione in Italia del Next Generation EU: tra i flagship projects a cui gli Stati europei dovranno indirizzare i loro piani investimenti e riforme il n. 5 è intitolato Modernise e prevede la digitalizzazione della PA e dei servizi pubblici. Sulla PA è dunque puntato lo sguardo europeo – come si esprime la proposta di Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) del gennaio 2021– e da essa è atteso un forte intervento di trasformazione del Paese: in tale prospettiva la missione digitale è una delle principali leve per rilanciare la crescita e l’azione della macchina pubblica. Il processo di innovazione della PA deve però essere accompagnato da ulteriori azioni di riforma, a partire da quelle finalizzate alla riqualificazione dei suoi asset strategici: il capitale umano; le strutture organizzative e l’organizzazione del lavoro pubblico; le procedure operative e le modalità di erogazione dei servizi.

 

Il PNRR individua nel rinnovamento del capitale umano il principale asset immateriale delle PA: investe così nel potenziamento delle competenze tecnico-specialistiche e digitali, che diventa decisivo nel momento in cui alla PA si riconosce un ruolo propulsivo per lo sviluppo e la modernizzazione del Paese. Il risultato atteso è quello di creare un’amministrazione competente, che disponga delle conoscenze tecniche per gestire i processi di cambiamento: la digitalizzazione della PA, basata sullo sviluppo delle infrastrutture e dei servizi digitali del Paese (datacenter e cloud), insieme alla valorizzazione della performance organizzativa e alla regolazione dello smart working.  Tale modello ispira la nostra proposta, orientata a formare i nuovi laureati attraverso un master sperimentato da cinque anni dal Di.SEA.DE in Bicocca: l’obiettivo è fornire ai futuri amministratori competenti delle istituzioni territoriali e centrali il complesso di capacità per inserirsi in strutture di governo di una realtà sociale e produttiva in trasformazione.

 

Saluti e moderatore

 

Prof.ssa Cinzia Vallone – Direttrice Master in Gestione dei Servizi Pubblici, Utilities e Mobilità. Università di Milano-Bicocca

 Introduzione

Dott. Daniele Manca – Vicedirettore per l’economia del Corriere della Sera

Inquadramento generale

Dott. Giuseppe De Rita – Presidente CENSIS

Dott. Jacques Moscianese – Direttore Centrale Affari Istituzionali Gruppo Intesa Sanpaolo

Tavola rotonda

Ing. Cesare Vaciago – Docente Master e CESISP – Università di Milano-Bicocca

Prof.ssa Camilla Buzzacchi – Ordinario di Istituzioni di Diritto pubblico, Vicedirettore Di.SEA.DE, Università di Milano-Bicocca

Dott. Efisio Espa – Coordinatore del Dipartimento di Economia, Finanza e Statistica, SNA

Prof. Massimo Beccarello – Direttore CESISP, Università di Milano-Bicocca

 

Conclusioni

 

Dott. Daniele Manca – Vicedirettore per l’economia del Corriere della Sera